02 Luglio 2020
news
percorso: Home > news > News Generiche

LO SPORT È CULTURA

22-04-2020 16:40 - News Generiche

ME LO SONO SEMPRE CHIESTO…
Perché in Italia lo Sport non è considerato Cultura? Perché negli anni nessuno ha capito che anche attraverso lo Sport si può educare un Paese? Siamo forse rimasti scottati dal ventennio fascista che vedeva l’attività sportiva come l’ennesimo mezzo con cui affermare la propria supremazia?

Gli antichi greci lo consideravano palestra di vita. Per gli americani è il luogo del riscatto sociale. E per noi? Cos'è davvero per noi lo Sport? Un divertimento, un passatempo, un lavoro, una scusa per evadere ogni tanto dai problemi quotidiani. Tutto nobile, tutto giusto. Ma perché non è anche Cultura?

DA STUDENTE non ho mai capito il senso delle ore di educazione fisica, per come questa materia viene insegnata a Scuola. Già il solo nome mi lasciava perplesso. “Educazione”. Educazione all'attività motoria. Concetto elevato ma rimasto tale.
Quanti di voi sono stati davvero educati dalle ore di Sport a Scuola? Quanti possono affermare di aver appreso lezioni di vita utili da riutilizzare all'interno della società? Pochi.

Eppure lo Sport è uno dei massimi veicoli di aggregazione sociale. Lo Sport vero, quello che insegna il sacrificio e il rispetto è uno dei motori che dovrebbe stare alla base di ogni società democratica e istruita. «Frasi fatte», direte voi? Ebbene sì, frasi fatte che però nessuno ha voglia di ascoltare.

Possibile che nel 2020 non si sia ancora capito quanto lo Sport faccia bene alla testa oltre che al corpo? In altri Paesi chi vuole ottenere una borsa di studio per meriti sportivi deve prima dimostrare di essere un buon studente.

Impegnarsi maggiormente nello studio per permettere ai propri sogni di continuare a volare. Questo è il concetto che sta alla base dell’Educazione sportiva: dovremmo capirlo anche noi… nel Belpaese!

«LO SPORT È CULTURA, speriamo che continui a esserlo», diceva Berruti. Scusaci Livio ti abbiamo deluso.
Tifosi che allo stadio insultano ragazzi appena 18enni, i quali rispondono con un dito medio alzato. Presidenti federali che anziché unire dividono tra generi e razze.

Lo specchio di un’Italia ferma al palo e che non sa da dove ripartire.

Portiamo lo Sport (quello vero!) nelle Scuole, togliamo la noia nella vita dei ragazzi e insegniamo loro che prima di tirare un calcio a un pallone, che sia davanti a quattro amici o in uno stadio con 80.000 persone, è indispensabile essere Persone di Cultura.

Mi voglio impegnare a fare in maniera che i Giovani non continuino a crescere in una Società che parla a sproposito di Cultura Sportiva senza poi insegnarla davvero nelle Scuole.
Mi voglio impegnare a fare in maniera che a tutti i Giovani venga insegnato che lo Sport non è solo un gioco.



Fonte: Il Delegato UNVS Romagna

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account