19 Settembre 2020
news
percorso: Home > news > News Generiche

La competizione e la competitività...cosa sono? - (Prima parte)

28-03-2015 21:16 - News Generiche
La competizione: quando vincere è l´unica cosa che conta

Innanzitutto, la competizione è un fenomeno presente in ogni contesto sociale: è definita come la pressione a raggiungere un certo obiettivo/risultato, che un individuo sviluppa verso altri individui, che ritiene al suo stesso livello di preparazione fisica, tecnica, cognitiva o conoscitiva.

La competizione è un tratto fondamentale dell´uomo, pensiamo ad esempio alla teoria sull´origine dell´uomo di Darwin. Alcuni penseranno che è datata, invece è di estrema attualità e ci consente di comprendere che senza competizione, senza volontà di sopravvivere, di sfuggire ai pericoli che la natura e i predatori costituivano per l´uomo, senza la tendenza a adattarsi ai cambiamenti l´uomo stesso non sarebbe potuto sopravvivere. La nostra esistenza oggi è ben diversa, l´uomo ha eliminato i pericoli che potrebbero causare la sua scomparsa dalla Terra e contemporaneamente ha creato nuovi scenari competitivi: lo sport in primis, ma anche il mondo del lavoro.

La competitività, invece, è la tendenza individuale a impegnarsi a fare del proprio meglio per prevalere sugli altri; in poche parole, lo sforzo che l´atleta fa per vincere ma che non necessariamente si sviluppa in ogni atleta in ugual misura.

Ci sono atleti che la sviluppano di più di altri e solitamente il "livello di competitività" è molto più elevato negli sportivi professionisti rispetto che nelle persone "comuni" e agli atleti amatori, poiché possiamo dire che lo sport professionistico è uno dei mondi in cui "per essere qualcuno devi vincere"; di conseguenza lo sportivo deve anche essere allenato a essere competitivo, a voler prevalere rispetto agli altri.

Un altro mondo caratterizzato di fortissima competitività è quello del management: il manager migliore è colui che sa sopportare la pressione e lo stress, governare le emozioni, soprattutto quelle negative come l´ansia, la rabbia, la tensione e nello stesso tempo sa gestire la comunicazione delle sue decisioni agli altri, anche quando queste non sono piacevoli.

Posto che per gli atleti è fondamentale essere competitivi è bene ricordare che altre due dimensioni specifiche della loro personalità, che possono influenzare la loro competitività, sono: l´orientamento al compito e l´orientamento alla vittoria.

Il primo indica la volontà di migliorarsi e di migliorare le proprie prestazioni, indipendentemente dalla vittoria; il secondo invece indica la volontà assoluta di primeggiare sugli altri.

Ovviamente questi aspetti sono presenti in misura differente nei diversi atleti e potremmo dire che una commistione di: "competitività, ovvero impegno a dare il massimo", "orientamento al compito, ovvero volontà di miglioramento delle proprie prestazioni" e "orientamento alla vittoria" da origine alla prestazione perfetta, non irraggiungibile ma sicuramente privilegio di pochi campioni.

Questi sono tali poiché sanno gestire la pressione agonistica in quelle sfide in cui sanno che l´avversario è esattamente al loro livello di capacità tecnica, ma la differenza tra i due viene fatta dalla mente, dalla capacità di gestire la pressione, le proprie emozioni, di pensare attimo dopo attimo, anziché pensare solo all´obiettivo finale della vittoria.

Fonte: Giovanni Salbaroli - Delegato UNVS Romagna

Realizzazione siti web www.sitoper.it